Testata FPA

n° 8 del 25 marzo 2016

In primo piano

Cad, trasparenza e privacy: la rivoluzione in due mosse
di Guido Scorza, avvocato

L’assetto della disciplina che esce dalla riforma è più rispettoso del diritto alla privacy di quanto non lo fosse quello precedente che, di fatto, consentiva a chiunque – anche solo per caso – di imbattersi in decisioni di ogni genere, attinenti alla vita privata e talvolta intima delle persone


Come conciliare trasparenza e privacy sulle sentenze, il caso JurisWiki
di Simone Aliprandi, avvocato e dottore di ricerca, fondatore di JurisWiki

L’idea consta di una piattaforma per la raccolta e gestione dell’informazione giuridica basata sul crowdsourcing e strutturata secondo un modello wiki: un sito web collaborativo e strettamente ispirato ad un approccio open, nel quale è possibile raccogliere, commentare e riorganizzare le sentenze e tutti gli altri provvedimenti giurisdizionali delle corti italiane


Riforma trasparenza, un sì con riserva da Garante e Consiglio di Stato: ecco perché
di Morena Ragone, giurista, dottore di ricerca, esperta di diritti digitali, Stati Generali dell’Innovazione

Dei pareri si è parlato troppo poco, probabilmente a causa del fatto – come osservato dallo stesso Garante – che essi, pur obbligatori, restano non vincolanti per l’esecutivo, che potrà – come già fatto in passato – non tenerne conto nella limatura del testo. Vediamoli noi nel dettaglio


Sentenze sul web, ecco le norme a difesa della privacy
di Stefano Corsini, commissione informatica Ordine Avvocati Pordenone, commissione informatica Unione Triveneta Ordini Forensi

Il tema della trasparenza ha generato e tuttora provoca accesi dibattiti tra i giuristi in ordine alla legittimità dell’applicazione estesa di tale istituto e non è possibile sottrarsi ad una considerazione sul percorso normativo e culturale che negli ultimi trent’anni ha visto cadere il “muro di gomma” nella pubblica amministrazione


Ok della Camera, la riforma del PCT è sempre più vicina
di Michele Gorga, avvocato

Tra gli emendamenti approvati spicca quello che prevede che i termini per esperire tutti i mezzi a contenuto impugnatorio, anche diversi dall’appello, decorreranno dalla comunicazione del testo integrale del provvedimento, che dovrà essere effettuata anche nei confronti della parte non costituita, con abrogazione del termine di decadenza dall’impugnazione

Post-it

Le sentenze on line violano la privacy: questa non è trasparenza
di Monica A. Senor, avvocato, Commissione Informatica Ordine Avvocati Torino, NEXA-Polito

La Corte di Cassazione, con la decisione di divulgare online tutti i suoi provvedimenti, ci ha di fatto riportati ad un’epoca pre-illuministica, quando l’unica forma di pubblicità concessa dai sovrani assoluti era quella dell’esecuzione della pena, mediante l’inflizione di esemplari punizioni corporali, sulla pubblica piazza

Ecco i limiti privacy alla pubblicazione di atti delle PA
di Stefano Ricci, Università degli Studi dell’Insubria

In base alla legislazione europea, non è la sola illiceità “originaria” del trattamento a dover essere valutata dal data controller poiché, anche quando il trattamento effettuato dal sito di “provenienza” sia lecito, il dato personale trattato va rimosso quando sia inadeguato rispetto alle finalità e/o al tempo trascorso

Speciale Cantieri

I protagonisti raccontano Spid: cosa è ora, come sarà

Leggi il nostro dossier, che raccoglie 9 testimonianze di chi sta lavorando per realizzare il salto culturale e organizzativo necessario per portare in porto un’infrastruttura “mai tentata prima in Italia”

Avviso agli innovatori

La Redazione di Cantieri accoglie con interesse proposte di articoli, interviste e casi studio che possano essere pubblicati sui nostri canali tematici. Scrivete a redazione.cantieri@forumpa.it

Accedi all’intero sapere condiviso dalla nostra task di riformatori. Scegli tra le altre newsletter e iscriviti.

 This email is sent to [email]

Send to a friend Facebook Twitter LinkedIn